Hyundai collaudata la disattivazione dei cilindri

Discussione in 'Discussioni generiche Hyundai' iniziata da Massimiliano Guerra, 5 Nov 2008.

  1. Massimiliano Guerra

    Massimiliano Guerra GLOBAL MODERATOR
    Membro dello Staff Moderatore Globale Socio Premium Editoriale

    Registrato:
    8 Nov 2007
    Messaggi:
    9.105
    "Mi Piace" ricevuti:
    680
    Provincia:
    Roma RM
    Auto ed Allestimento:
    SantaFe CRDi Dinamic Top 4wd - ix20 1.4 MPi Xpossible
    Dal sito autoblog.it:

    Al SEMA di quest’anno non saranno solo i cavalli a stare al centro dell’attenzione: Hyundai presenterà un sistema di disattivazione dei cilindri che, quando possibile, permetterà al V8 della sua nuova Genesis di funzionare con soli quattro cilindri abbassando drasticamente i livelli di consumi ed emissioni.

    A portare al debutto questa innovazione sarà il propulsore della Genesis RKSport, un’unità da 460 CV sovralimentata con compressore volumetrico. Prestazioni assicurate dunque, e per giunta abbinate ai consumi di un moderno V6. Ma questa soluzione raggiungerà la produzione in serie?

    “Le tecnologie avanzate saranno un pilastro dei nostri piani per migliorare efficienza e consumi della nostra gamma” ha risposto John Juriga, direttore di Hyundai-Kia Powertrain, evitando di fatto una risposta diretta, ma lasciando intendere secondo alcuni che un simile sistema potrebbe trovare sbocchi commerciali in futuro.

    La tecnologia in questione non è certo una novità assoluta: già alla fine degli anni ‘90 Mercedes aveva introdotto il suo Active Cylinder Control su S 500 e S 600 (W220) e Chrysler nel 2004 aveva fatto altrettanto sul 5.7 V8 HEMI della 300 C con il Multi-Displacement System.

    Oggi, con le sempre più stringenti necessità di ridurre consumi e impatto ambientale delle auto, il sistema è tornato di grande attualità come dimostra il V10 della prossima Honda NSX che sarà dotato proprio del Variable Cylinder Management.

    Tra le soluzioni che troveremo nei motori a combustione interna di prossima generazione, questa particolare tecnologia potrebbe svolgere un ruolo importante accanto alla turbocompressione, al downsizing, all’iniezione diretta e ai carburanti alternativi, permettendo di portare l’efficienza termica ed ecologica dei propulsori tradizionali a livelli che oggi definiremmo sorprendenti.


    [​IMG]
     
  2. Marco

    Membro dello Staff Amministratore Socio Premium

    Registrato:
    28 Ago 2007
    Messaggi:
    6.774
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.527
    Provincia:
    Venezia VE
    Auto ed Allestimento:
    Atos / Ex Tuscani Turbo
    stupefacente!
     
  3. MasterPc

    MasterPc GLOBAL MODERATOR
    Membro dello Staff Moderatore Globale Socio Premium

    Registrato:
    29 Ago 2007
    Messaggi:
    7.816
    "Mi Piace" ricevuti:
    3.249
    Provincia:
    Pisa PI
    Auto ed Allestimento:
    Coupe Turbulence 1600cc
    Anche io conoscevo questa tecnologia... ovviamente con i miglioramenti introdotti recentemente nell'automotive la gestione non può che essere migliorata e raffinata rispetto a 10 anni fa.
    Tuttavia credo che sia una bella trovata dagli sbocchi non proprio esagerati... il futuro certamente non stà nelle grosse cilindrate ma nelle piccole cilindrate.
    Io vedo, al di là della bella notizia e della sicuramente buona trovata (che non è assolutamente disprezzabile) un miglior futuro nel riuscire a cambiare qualcosa sui 4 cilindri di bassa cilindrata.
     

Condividi questa Pagina