1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Hyundai ix35 FCEV: il futuro è oggi!

Discussione in 'Editoriale HCI' iniziata da Massimiliano Guerra, 25 Apr 2014.

  1. Massimiliano Guerra

    Massimiliano Guerra GLOBAL MODERATOR
    Membro dello Staff Moderatore Globale Socio Premium Editoriale

    Registrato:
    8 Nov 2007
    Messaggi:
    9.098
    "Mi Piace" ricevuti:
    643
    Provincia:
    Roma RM
    Auto ed Allestimento:
    SantaFe CRDi Dinamic Top 4wd - ix20 1.4 MPi Xpossible
    Da qualche anno vari costruttori di automobili stanno proponendo varie interpretazioni su quello che dovrà garantire il continuo della produzione automobilistica quando il petrolio non sarà più disponibile...
    Da questo futuro problema nascono modelli alternativi a quelli odierni che utilizzano combustibili fossili convenzionali come benzina, gasolio, gas...
    Nonostante la continua evoluzione dei motori termici, in virtù dei sempre più severi limiti imposti dalle normative antinquinamento, ci ritroviamo sempre la solita “minestra” e quindi motori diesel sempre più sofisticati e performanti (ed ahimè delicati!), purtroppo strozzati da filtri complessi e doppi catalizzatori per ridurre al minimo le tanto odiate polveri sottili, e da motori benzina in continua lotta per ridurre i consumi, ma senza diminuire l'efficienza!
    Il tutto con continue omologazioni (e blocchi del traffico nelle grandi città!), che ci confondono sempre di più le idee con una sfilza di E4, E5, E6, E7, e via dicendo...
    Ma siamo sicuri che è questo il futuro?
    Che l'ottimizzazione dei motori diesel e benzina down size sia la strada giusta da percorre?
    Domande che ci siamo posti spesso, e qualcuno ha saggiamente rivolto lo sguardo oltre i canoni imposti da un sistema costruito nato sulle fondazioni solide degli idrocarburi!
    Qualche interpretazione sulle varianti hybrid potrebbero essere soluzioni alternative, ma al dire il vero non convincono pienamente, in quanto possono essere comunque qualcosa su cui lavorare ed in special modo per chi utilizza l'automobile esclusivamente in città, tuttavia per chi copre distanze elevate con strade a scorrimento veloce, si ritrova a fare i conti con i consumi (e l'inquinamento), di una normale auto...
    Esistono poi le proposte full elettriche di alcuni costruttori, (alcuni poi di brand più che blasonati, che dapprima hanno investito sull'idrogeno, per fare poi un marcia indietro clamoroso, BMW docet...), che propongono modelli sbarazzini, utilitarie, e perchè no sportive...
    Ma anche qui ci scontriamo con qualche problema di autonomia e di ricarica, che forse oggi per queste auto è il più grande limite, oltre ovviamente alla vita delle batterie, ed ai problemi derivati nel trattare gli accumulatori a fine ciclo!
    Una voce fuori dal coro oggi sembra esprimerla proprio la Hyundai con l'interpretazione coreana sull'auto ecologica, che è ad idrogeno, vera e propria alternativa all'elettrico.
    Vera e propria alternativa per prestazioni, molto simili all'equivalente versione con motore a gasolio CRDi 1.7 , ma anche per autonomia, visto che la ix35 FCEV ha un'autonomia di 588 km!
    Hyundai è uno dei pochi costruttori di automobili che ha investito notevoli risorse sul modello ad idrogeno, (un sistema che utilizza l'idrogeno in forma gassosa per alimentare degli accumulatori che danno energia ad un motore elettrico), che rilascia come residuo di “combustione” semplicemente vapore acqueo!
    E' chiaro che l'idea è di quelle eccezionali!!!
    Pensate quanto si politicamente corretto essere consapevoli di viaggiare su un'automobile, (in questo caso un SUV, che non sono il massimo in termini di efficienza ed emissioni...), che non produce nemmeno mezzo grammo di CO2... Fantastico!
    Quindi è come viaggiare su un elettrico, (perchè di fatto la trazione è fornita da un motore elettrico, e quindi con tutti i vantaggia propri come coppia e silenziosità), senza le limitate autonomie della concorrenza elettrica, visto che la ix35 Fuel Cell è in grado di sfiorare i 600 km con un pieno di idrogeno, (se effettuato presso i distributori capaci di caricare le bombole a 700 Bar).
    Quindi Hyundai ad oggi, può tranquillamente affermare che la sua ix35 Fuell Cell è una delle poche auto ad idrogeno in produzione di serie... Non male!
    Quindi direte voi, solo vantaggi, perchè non acquistarla?
    Il problema di fatto non è Hyundai, ne tantomeno della formidabile ix35 FCEV, bensì della rete di distribuzione dell'idrogeno!
    E già, poiché alcuni voi già sanno che in Italia a volte può essere complicato cercare un distributore di gas metano/GPL, figuriamoci di idrogeno!
    Quanti di voi hanno mai visto un distributore?
    Io mai, anche se nella mia città ne esiste uno, sulla Roma/Fiumicino...
    Eppure in Italia ci sono, ma dove vi chiederete voi...
    Da una ricerca effettuata sul web risultano numeri poco incoraggianti, visto che su tutto il territorio italiano ce ne sono meno di 10... In Lombardia, nel Veneto, Toscana, Lazio... Ecco poi scendendo al sud comincia ad essere complicato assicurarsi il viaggio di ritorno!
    Poso, le Pubbliche Amministrazioni fanno ancora troppo poco per le fonti alternative, e dovrebbero investire di più su questo settore proprio per incentivare produttori come Hyundai che ci hanno dimostrato che è disponibile alla produzione la tecnologia alternativa ai combustibili fossili...
    Tuttavia parafrasando una risposta di qualche tempo fa, che a me oggi mi fa ancor più riflettere, visto che mi fu detta in "tempi non sospetti" (durante l'incontro al Faldo nel 2011), un amico di Hyundai Motor Company Italy mi ha risposto: "noi siamo pronti al futuro... Ma il mercato lo è?"

    di Massimiliano Guerra per Hyundai Club Italia

    cover.png

    (Foto: allaguida.it)
     
    A Peter piace questo elemento.

Condividi questa Pagina