Niente brand di lusso per Hyundai

Discussione in 'Discussioni generiche Hyundai' iniziata da Massimiliano Guerra, 9 Apr 2011.

  1. Massimiliano Guerra

    Massimiliano Guerra GLOBAL MODERATOR
    Membro dello Staff Moderatore Globale Socio Premium Editoriale

    Registrato:
    8 Nov 2007
    Messaggi:
    9.105
    "Mi Piace" ricevuti:
    690
    Provincia:
    Roma RM
    Auto ed Allestimento:
    SantaFe CRDi Dinamic Top 4wd - ix20 1.4 MPi Xpossible
    Come già anticipato in modo informale, la notizia rafforza le fonti che non scommettevano sulla creazione di un marchio di lusso, visto che su alcuni modelli era spuntata qualche icona antisonante e che poco aveva di richiamo con la "H" stilizzata del costruttore coreano.
    I modelli destinati (o meglio "sospettati"), al nuovo brand inizialmente erano la Genesis berlina , lunga quasi 500 cm con trazione posteriore e motori a benzina V6 e V8; (Può essere considerata una concorrente di BMW Serie 5 e Audi A6), e la Equus, ancora più grossa (515 cm) e lussuosa della Genesis. Sempre a trazione posteriore monta un V8 da 390 CV. (È una concorrente delle varie Lexus LS, BMW Serie 7 e dell'ammiraglia Audi).
    In un secondo momento aveva preso corpo anche l'ipotesi di incorporare la genesis coupè in questa indiscrezione.

    Secondo i vertici della casa coreana creare una famiglia di modelli più lussuosi da vendere con un marchio specifico sarebbe troppo costoso e non necessariamente vantaggioso per l'immagine della casa.

    NIENTE MARCHIO “DI LUSSO” - La Hyundai rinuncia all'idea di creare un suo marchio “di lusso”, come lo sono la Infiniti per la Nissan e Lexus per Toyota.
    A porre fine a una serie di indiscrezioni circolate nei mesi scorsi è stato Shin Jong-Woon, vice presidente del colosso coreano, intervistato dal sito Automotive News in occasione del Salone di Seoul che si è aperto oggi.

    UN'OPERAZIONE COSTOSA - Secondo le indiscrezioni che erano trapelate, la Hyundai aveva ipotizzato di utilizzare i nomi Genesis o Equus, che identificano già due grosse berline vendute sul mercato interno e negli Usa, per dare il via a una famiglia di modelli più lussuosi. Una scelta che ora viene giudicata dagli esiti incerti, specialmente in un momento storico nel quale la Hyundai sta già cercando di innalzare la sua immagine di costruttore migliorando la qualità dei prodotti. Ma il motivo della rinuncia è anche economico: la creazione di un nuovo “brand” comporta investimenti, non solo nel prodotto, ma anche nella pubblicità e nella rete di concessionarie. Ne sanno qualcosa Lexus e Infiniti che ancora, dopo quasi vent'anni dal lancio e i miliardi spesi, non possono ancora dire di aver conquistato tutti i mercati mondiali. Per non parlare della Honda che con le sue Acura non ha mai sfondato.


    [​IMG]

    fonte: alvolante.it
     
  2. Massimiliano Guerra

    Massimiliano Guerra GLOBAL MODERATOR
    Membro dello Staff Moderatore Globale Socio Premium Editoriale

    Registrato:
    8 Nov 2007
    Messaggi:
    9.105
    "Mi Piace" ricevuti:
    690
    Provincia:
    Roma RM
    Auto ed Allestimento:
    SantaFe CRDi Dinamic Top 4wd - ix20 1.4 MPi Xpossible
    Hyundai abbandona la creazione di un marchio di lusso

    Alla fine la casa costruttrice sud coreana ha deciso: non sarà creato nessun brand di lusso per la Genesis e la Equus. Il lancio del nuovo marchio avrebbe posto la Hyundai di fronte ad un problema relativo alla rete di distribuzione delle vetture alquanto complesso, questione affrontata anche da Toyota, Honda e Nissan coi rispettivi marchi di alta gamma Lexus, Acura ed Infiniti, che avrebbe reso necessaria la creazione da zero una rete commerciale specifica per il nuovo brand. Inoltre la creazione del nuovo marchio avrebbe comportato una spesa complessiva di diverse centinaia di migliaia di euro nel breve termine ed un ricavo possibile nel lungo termine, ma non certo, un ostacolo non da poco di questi tempi per una casa automobilistica che si trova sì in forte crescita (ndr. Hyundai - Kia è il quarto gruppo industriale automobilistico al mondo ) ma che si è affermata come grande produttore da troppo poco tempo. I dirigenti di casa Hyundai hanno attentamente scrutato le stime di spesa e hanno concluso che un nuovo marchio avrebbe comportato più costi che benefici, inoltre sia la Equus sia la Genesis sono due vetture di nuova concezione per la casa sud coreana che andranno sicuramente ad affrancare l’immagine di Hyundai dal bollo di produttore di auto low cost.

    fonte: motoriblog.net
     
  3. Massimiliano Guerra

    Massimiliano Guerra GLOBAL MODERATOR
    Membro dello Staff Moderatore Globale Socio Premium Editoriale

    Registrato:
    8 Nov 2007
    Messaggi:
    9.105
    "Mi Piace" ricevuti:
    690
    Provincia:
    Roma RM
    Auto ed Allestimento:
    SantaFe CRDi Dinamic Top 4wd - ix20 1.4 MPi Xpossible
    Hyundai rinuncia al nuovo marchio premium

    La Casa coreana ha annullato il programma per la realizzazione del nuovo brand premium: inversione di rotta dettata dai costi.

    "Non ci sono programmi sul lancio di un nuovo marchio", ha annunciato venerdì scorso Shin Jong-Woon, vice presidente di Hyundai, stoppando di fatto alcune fantasie elaborate alla fine dello scorso anno.

    In origine, infatti, la Casa sudcoreana aveva messo a punto una strategia in stile Lexus e Infiniti per realizzare un proprio marchio del lusso con il quale vendere le future automobili "premium". Si sarebbe chiamato Genesis o Equus, ma nel frattempo si è registrata una decisa inversione di rotta. In primo luogo ci sono i costi: troppo elevati per affrontare nuove azioni di marketing e per creare un'adeguata rete di vendita.

    Poi si presenterebbe il problema dell'immagine verso il marchio di origine, che verrebbe in qualche modo screditato e fatto passare in secondo piano. Proprio il contrario di ciò che vorrebbero i manager Hyundai, che stanno invece lavorando per raggiungere un più elevato standard di qualità. "Come potremmo aiutare la crescita del marchio Hyundai se togliessimo la produzione delle vetture più lussuose?", ha giustamente domandato Shin Jong-Woon.


    fonte: motori.it
     

Condividi questa Pagina