" Forse ha bevuto un pò troppo"

Discussione in 'Il Codice della Strada' iniziata da Giancarlo, 12 Giu 2010.

  1. Giancarlo

    Giancarlo Socio onorario
    Socio Premium

    Registrato:
    28 Mar 2010
    Messaggi:
    11.378
    "Mi Piace" ricevuti:
    4.442
    Provincia:
    Benevento BN
    Auto ed Allestimento:
    ix35 2.0 136cv CRDi MY2010 Comfort 2wd - Cassa White
  2. Massimiliano Guerra

    Massimiliano Guerra GLOBAL MODERATOR
    Membro dello Staff Moderatore Globale Socio Premium Editoriale

    Registrato:
    8 Nov 2007
    Messaggi:
    9.104
    "Mi Piace" ricevuti:
    682
    Provincia:
    Roma RM
    Auto ed Allestimento:
    SantaFe CRDi Dinamic Top 4wd - ix20 1.4 MPi Xpossible
    Se si partirebbe dal concetto che la licenza di guida non è un diritto, ma un privilegio, applicando una dose di rispeto in più per il prossimo, (vedo da tempo dei comportamente inenarrabili!), si salverebbero molte più vite sulle strade...
     
  3. MaxSilver

    MaxSilver Socio onorario
    Socio Premium

    Registrato:
    22 Apr 2010
    Messaggi:
    5.104
    "Mi Piace" ricevuti:
    605
    Provincia:
    Varese VA
    Auto ed Allestimento:
    iX35 Confort 1.7 Crdi Machine Silver
    la vita é 1 e alcuni se lo dimenticano,anche a discapitodegli altri
     
  4. stex802

    stex802 Member

    Registrato:
    27 Ott 2008
    Messaggi:
    420
    "Mi Piace" ricevuti:
    3
    Provincia:
    Modena MO
    Auto ed Allestimento:
    I30 1.4 GPL
    Quello dell'articolo ovviamente è uno sciagurato,e i commenti sono ovviamente sprecati...ma se vogliamo parlare di come si sta trattando in Italia il problema alcoolismo e guida ci sarebbe parecchio da recriminare...è terrorismo puro,la gente continua a guidare ubriaca,mentre quelli che vengono beccati con uno 0.1 in più vengono trattati come tossicodipendenti e criminali sputtanati ogni lunedì mattina sui giornali locali...
     
  5. MasterPc

    MasterPc GLOBAL MODERATOR
    Membro dello Staff Moderatore Globale Socio Premium

    Registrato:
    29 Ago 2007
    Messaggi:
    8.127
    "Mi Piace" ricevuti:
    3.608
    Provincia:
    Pisa PI
    Auto ed Allestimento:
    Coupe Turbulence 1600cc
    Sapevo che per chi guida di lavoro e cmq sul lavoro il limite era di 0.1... mi sbaglio?

    Ovvero, e sono daccordo su questo, chi guida un mezzo pesante soprattutto non dovrebbe bere.

    Io quando sono fuori per lavoro non bevo o al massimo a inizio pasto mi bevo mezzo bicchiere (MEZZO) di vino... non di più.

    Alla sera, soprattutto se non guido e se sono a casa mi concedo una birra o al massimo un bicchiere e mezzo (e mai di +... odio sentire la testa ed il mondo fuori controllo) di vino in tutto il pasto
    Se guido (e mi sono fatto tanti km per l'italia) preferisco avere il controllo... non ha senso perderlo...
    Non capisco cosa possa risolvere bere.
    Sentire per un pò il mondo che gira e non essere più nella realtà... ma poi ci torni comunque e peggio di prima (perchè stai male).

    Essere allegri (e dopo 10 minuti già passi il momento e sei di nuovo tranquillo) è un conto... ubriacarsi è un'altro, ti passa dopo ore, ti fai male al fisico e ti rimane il mal di testa per tutto il giorno dopo.
    Se sei fortunato....

    mha...
     
  6. Giancarlo

    Giancarlo Socio onorario
    Socio Premium

    Registrato:
    28 Mar 2010
    Messaggi:
    11.378
    "Mi Piace" ricevuti:
    4.442
    Provincia:
    Benevento BN
    Auto ed Allestimento:
    ix35 2.0 136cv CRDi MY2010 Comfort 2wd - Cassa White
    No Marco è sempre 0.50 il limite.
    Nel prossimo decreto che modifica il cds hanno proposto per i conducenti professionali il tasso 0.

    Ecco la proposta:
    No alcolici per neopatentati e professionali
    "Gli autotrasportatori e i neo patentati entro tre anni non potranno bere alcolici prima di mettersi alla guida. Multa prevista: da 155 a 624 euro.
    Il valore alcolemico 0 per i neo patentati e per i professionisti della strada va salutato positivamente, tuttavia l'Asaps era favorevole alla estensione dello zero assoluto anche per tutti i recidivi alla guida in stato di ebbrezza, recidivi che spesso diventano killer seriali della strada."

    Ciao Giancarlo.
     
  7. MasterPc

    MasterPc GLOBAL MODERATOR
    Membro dello Staff Moderatore Globale Socio Premium

    Registrato:
    29 Ago 2007
    Messaggi:
    8.127
    "Mi Piace" ricevuti:
    3.608
    Provincia:
    Pisa PI
    Auto ed Allestimento:
    Coupe Turbulence 1600cc
    In usa ho letto in passato che gli "Alcolizzati" e qui si parla di malattia, sono tantissimi ed ogni anno muoiono circa 80.000 persone... non credo che questi dati siano tanto esagerati...
    Un bollettino di guerra è meno brutto!

    Sarei d'accordo per lo zero per queste persone... e anche nei termini in cui l'hanno pensato.
    Mentre per chi non è professionista e chi ha esperienza se beve un goccio (e deve essere un goccio!) può cmq farlo... la moderazione è sempre tollerata.
    L'esagerazione no.

    Sei sempre super informato, Grazie!
     
  8. stex802

    stex802 Member

    Registrato:
    27 Ott 2008
    Messaggi:
    420
    "Mi Piace" ricevuti:
    3
    Provincia:
    Modena MO
    Auto ed Allestimento:
    I30 1.4 GPL
    Guarda,in linea di principio quel che dici è giustissimo,ma quando vedo i servizi ai tg a me sale una rabbia incredibile...mostrano lamiere accartocciate come dopo un passaggio sotto una pressa,sbandierando ai 4 venti le 10 patenti dei poveri sfigati che son stati beccati quel weekend....
    Poi penso alla mia esperienza personale,ora ho trent'anni e la testa sulle spalle,ma una decina di anni fa,un pò per coglionaggine,un pò per spavalderia capitava spesso di tornare da qualche locale un pò alticcio...ma ti posso giurare che mai e poi mai mi sono messo nelle condizioni di ridurre un auto nelle condizioni di quelle dei tg...e sai perchè? Rispetto degli altri,di me stesso e un pizzico di senso critico,quando si tornava dalla disco si tornava ad andatura tranquillissima e senza mosse azzardate(che per altro non faccio nemmeno da sobrio...),e guarda caso mai è successo nulla...
    Invece girando anche di giorno per le strade si vedono quotidianamente atteggiamenti che possono creare le situazioni sopracitate,che non vengono puniti con la stessa severità,anzi,la morale comune quasi li osanna,fesso chi è in fila....a chi sfreccia ai 200 in autostrada gli mandiamo una multina a casa col tutor e tutti contenti,quando invece è un delinquente anche se in quel momento ha i riflessi per schivarti all'ultimo...
     
  9. Giancarlo

    Giancarlo Socio onorario
    Socio Premium

    Registrato:
    28 Mar 2010
    Messaggi:
    11.378
    "Mi Piace" ricevuti:
    4.442
    Provincia:
    Benevento BN
    Auto ed Allestimento:
    ix35 2.0 136cv CRDi MY2010 Comfort 2wd - Cassa White
    Ciao stex802, il tutor è gli autovelox sono diventati degli strumenti di prevenzione e non di repressione.
    Da quanto sono stati installati sulle principali strade e autostrade italiane, il tasso di sinistrosità si è ridotto tantissimo.
    Il limite di 0.50 è stato imposto dalla CEE all'Italia e tieni presente che ancora dobbiamo scendere allo 0.20 come previsto per altri stati comunitari.
    Altra annotazione in merito alla tua affermazione (chi supera di 0.1....) ti chiarisco che il superamento dei limiti e suddiviso per fasce di tasso alcolemico.
    In sostanza più si superea il limite e più la sanzione diventa grave fino alla confisca del veicolo se condotto dal proprietario.
    Poi se si alzava il limite a 1.00, chi veniva beccato a 1.01 si sarebbe lamentato come te. Se si portava a 1.50 gli 1.51 si lamentavano ugualmente.
    Sulla questione dei giornali locali posso solo dirti che i nomi non vengono assolutamente comunicati ai giornali (a volte solo le iniziali e l'età) per la legge sulla privacy.
    L'alcool e la velocità sono le cause principali degli incidenti (mortali e non).
    Alla base dei comportamenti che hai indicato tu c'è sempre la mancanza di rispetto e di educazione per se stessi e per gli altri.
    Non c'è bisogno di un agente per ogni cittadino.
    Secondo te quale potrebbe essere la soluzione giusta per risolvere o ridurre gli incidenti?
    Ciao Giancarlo.
     
  10. MasterPc

    MasterPc GLOBAL MODERATOR
    Membro dello Staff Moderatore Globale Socio Premium

    Registrato:
    29 Ago 2007
    Messaggi:
    8.127
    "Mi Piace" ricevuti:
    3.608
    Provincia:
    Pisa PI
    Auto ed Allestimento:
    Coupe Turbulence 1600cc
    Un paio di volte mi è capitato anche a me di mettermi in auto per tornare a casa e avere la testa leggera... non sono un santo.
    Per questo dico che non mi piace perdere il controllo della situazione e preferisco non bere molto.

    Ed anche io in passato sono tornato a casa (solo da zone molto di campagna e non trafficate) a 30km/h percorrendo quei 5-8 km in un tempo enorme.
    Ma anche io conosco gente che invece faceva l'opposto.

    Oggi non lo faccio assolutamente e spesso (le poche volte che esco con gli amici) c'è sempre uno che decide di non bere e guida lui se gli altri bevono qualcosa di +.

    purtroppo credo che sia difficile sorvegliare tutti e far da mamma a tutti gli stolti.
    A me è capitato di vederne una di queste auto disintegrate... non è proprio bello.
    E mi è capitato sulla fi-pi-li anni fa.
    Tornavo da un locale dove suonavano degli amici ed erano le 3 di notte.
    Entriamo in superstrada e dopo poco la coda.
    Già eravamo stanchi... poi la coda.... ecco che il pensiero ci salta alla vista dell'alba: sicuramente un incidente e prima di smuovere tutto....
    fatto stà che dopo un'ora ci si muove e si passa accanto ad un'auto (che poi ho letto sul giornale marca e modello che era di alta qualità e potenza) completamente distrutta ed un corpo sotto un telo bianco ed altri pezzi di telo in giro.
    Risultato il tipo aveva bevuto e aveva fatto la pallina prima con auto (a 200 presumo) e poi con il suo stesso corpo disintegrandosi tra un lato e l'altro della superstrada.
    A chi puntare il dito?
    Agli agenti che sono 10 su una popolazione di 1000?
    All'alcool che era a quantità industriale nel suo sangue?
    Alla strada o all'auto che non ha tenuto la strada?

    Secondo me a volte è la mancanza di intelligienza.
    Per carità... anche io ho fatto tante cavolate, ho spinto l'auto in autostrada al massimo e fatto sorpassi azzardati.
    Fino a che va bene lo racconto... ma quando va male a volte va male tanto.

    Rimango del pensiero che cmq in tutte le cose occorre pensare e far le cose lasciandoci sempre quel giusto margine per poter rimediare all'errore.
    Se si va sempre al limite... senza troppi margini... a volte non si riesce.

    Se quella curva va fatta a 50, la fai a 70 e sai che potresti arrivare al limite a 90... non farla a 90... se perdi aderenza non ti rimane che farti male.
    Falla a 75, 80 se vuoi rischiare... ma sai che hai ancora margine per tornare indietro.

    Stessa cosa con il bere... se bevi 1 bicchiere, 2, 3... fermati, sai che dopo 1 ora puoi guidare senza problemi.
    Se bevi troppo e devi partire... non farlo se non ti reggi in piedi.
    Se ti attraversa un bimbo cosa succede?
    Se tu fossi il babbo di quel bimbo cosa gli faresti a quel tipo che te lo porta via?

    Se proprio si vuol azzardare fatelo tutti dove il massimo danno può essere solo a voi...

    Io la penso così... e devo essere sincero: io sono un appassionato di motori, ci metto le mani e cerco le prestazioni.
    Mi sono accorto che sia io che chi mi chiede o viene da me per ottenere... andiamo mediamente + piano e con attenzione di tanti altri.
    Quindi fate attenzione... avete un'auto spesso di serie che il limite ce l'ha molto inferiore di altre... non guardate la tv... le serie americane sono americanate e le cose che succedono sono spesso impossibili, come è impossibile che una ruota strida nella ghiaia come spesso si sente!

    Saluti
     
  11. stex802

    stex802 Member

    Registrato:
    27 Ott 2008
    Messaggi:
    420
    "Mi Piace" ricevuti:
    3
    Provincia:
    Modena MO
    Auto ed Allestimento:
    I30 1.4 GPL
    Secondo me alla base di tutto sta il giudizio delle persone,si possono inventare i limiti che si vuole,ma se alla base le persone difettano di questo ogni provvedimento limita i danni ma anche le libertà di chi saprebbe regolarsi anche senza...
    La soluzione è secondo me banale,ed ovvia...ma anche la più difficile,educazione ed intransigenza con i "prepotenti"...chi va abitualmente ai 40 all'ora difficilmente farà i 200 anche se è brillo...chi si lancia dietro le altre auto a queste velocità sfanalando per chiedere strada lo farà anche da ubriaco con la metà dei riflessi...
    Ovvio che questi principi non possono venire solo da un codice della strada,ma dalla scuola,dalla famiglia e via dicendo...
    Guarda Bargilero,ti racconto un aneddoto che esplica perfettamente la situazione,in una di queste famigerate serate alcooliche,a fine serata ci si affianca la pattuglia dei carabinieri....invece che fare terrorismo con alcool test,multe,minacce di sert e via dicendo,ci hanno dato la lezione migliore che potessero fare...sai quale? Ci hanno semplicemente tenuto lì a chiacchierare finchè non ci hanno ritenuto in grado di guidare...questo secondo me è il modo corretto di educare le persone...è vero che non tutti sono in grado di recepirlo,ma è proprio su questi che servirebbe l'intransigenza...
     
  12. MasterPc

    MasterPc GLOBAL MODERATOR
    Membro dello Staff Moderatore Globale Socio Premium

    Registrato:
    29 Ago 2007
    Messaggi:
    8.127
    "Mi Piace" ricevuti:
    3.608
    Provincia:
    Pisa PI
    Auto ed Allestimento:
    Coupe Turbulence 1600cc
    Stex... il tuo aneddoto è chiarissimo.
    Sono daccordo con te in tutto, almeno io.

    Mi rendo conto che però che è difficile... e difficile anche trovare l'interpretazione migliore in tutte le situazioni.

    Se tutti avessimo un minimo di giudizio vero sarebbe un mondo diverso.
    Ma l'educazione civile e stradale in italia è un vero macello per la mentalità che vive qua.
    Se vai in germania ti accorgi che è un altro mondo... ma siamo in italia.

    Quello che dici è ideologicamente anche il mio pensiero che infatti condivido e che credo che tantissimi qua potrebbero farlo tranquillamente.
    Chiaro, diretto e preciso e reale.

    Speriamo che lo leggano in tanti! :)
     
  13. Giancarlo

    Giancarlo Socio onorario
    Socio Premium

    Registrato:
    28 Mar 2010
    Messaggi:
    11.378
    "Mi Piace" ricevuti:
    4.442
    Provincia:
    Benevento BN
    Auto ed Allestimento:
    ix35 2.0 136cv CRDi MY2010 Comfort 2wd - Cassa White
    Stex hai centrato il problema.
    Questa è anche il mio pensiero che da anni riferisco ad amici e parenti.
    Purtroppo la realtà della strada è diversa.
    L'esempio che faccio quando parlo con qualcuno è quello della Svezia.
    In Svezia il codice della strada viene insegnato già dalle scuole dell'infanzia.
    Naturalmente per i bambini viene fatto attraverso il gioco e man mano che crescono le regole vengono inculcate con più fermezza e severità.
    Naturalmente i risultati sono evidenti ma comunque ci sono anche là le teste calde.
    In italia il discorso è diverso.
    Ai miei tempi si insegnava educazione civica oggi non lo si fa più e quel poco di codice della strada si insegna alle scuole medie solo per il patentino dei ciclomotori quando ormai la testa dei ragazzi hanno già preso un loro modo di vivere che normalmente riflette l'habitat dove vivono (Famiglia-scuola-gruppi di frequentazione).
    L'esempio che hai riportato tu è da apprezzare in un certo senso, ma voglio chiederti questo:
    Nel frattempo che i CC erano impegnati ad "educarvi" quante persone potevano fermare e sanzionare al fine di evitare incidenti?
    Nel tuo caso la risposta è stata positiva (apprezzata) ma sai quante persone al tuo posto lasciando i CC avrebbero esclamato "Questa volta l'abbiamo fatta franca" e il sabato successivo avrebbero di nuovo esagerato con l'alcool.
    Se tutte le pattuglie venissero impiegate per educare le persone, quante pattuglie ci vorrebbero????
    Io credo che con le generazioni attuali è difficile educare in ogni senso, basta aprire i giornali per rendersene conto di ciò che accade nelle scuole.
    Il sabato sera quando si esce di pattuglia si cerca di effettuare principalmente opera di persuasione parlando con i ragazzi come da fratello a fratello o da padre in figlio cercando di fargli capire che quello che impugna tra le mani (sterzo) è un fucile caricato a pallettoni.
    I verbali sono l'ultima cosa, alle forze di Poliza interessa evitare le carneficine quotidiane che si verificano sulle strade e che vivono tutti i giorni in diretta e non in tv.
    Non è bello bussare a casa dei genitori per notiziarli di un evento così drammatico.
    Prima di indossare la divisa sono anche loro genitori, fratelli e sorelle.
    Ciao Giancarlo
     
  14. MasterPc

    MasterPc GLOBAL MODERATOR
    Membro dello Staff Moderatore Globale Socio Premium

    Registrato:
    29 Ago 2007
    Messaggi:
    8.127
    "Mi Piace" ricevuti:
    3.608
    Provincia:
    Pisa PI
    Auto ed Allestimento:
    Coupe Turbulence 1600cc
    Direi che solo questi passi dovrebbero far capire la cosa drammatica che può avvenire.
    Da padre sarebbe una cosa micidiale se un agente mi suonasse alla porta con una simile notizia... perderei il senno!
     
  15. Ronno

    Ronno New Member

    Registrato:
    21 Apr 2010
    Messaggi:
    195
    "Mi Piace" ricevuti:
    12
    Provincia:
    Pordenone PN
    Ecco l'EDUCAZIONE CIVICA questa sconosciuta. Gravissima pecca dell'istruzione di oggi. La conseguenza, come giustamente dici, sono tutte le cose che si leggono sui giornali. L'educazione, il rispetto, cose che non fanno più parte del vocabolario di tanti ragazzi d'oggi. E la colpa è anche dei genitori (anch'io sono genitore). Un po di severità non fa mai male se data nei tempi e modi giusti.
    Ciao, Rolando
     

Condividi questa Pagina